Dissabbiatura fanghi

Separazione meccanica degli inquinanti solidi come sabbie, limi, argille o sostanze organiche

La dissabbiatura fanghi è uno dei trattamenti a cui possono essere sottoposte le acque reflue in ingresso all’impianto di depurazione. Si tratta di un processo meccanico che consente di separare la frazione solida (come le sabbie, i limi, le argille) da quella liquida.

La dissabbiatura fanghi ha l’obiettivo di rimuovere sabbie e solidi inerti, normalmente più pesanti degli organici, che potrebbero causare danni alle apparecchiature meccaniche impiegate nelle fasi successive di trattamento delle acque (usura delle parti meccaniche o l’accumulo di inerti).

Franchini servizi ecologici è l’unica azienda in Italia in grado di effettuare questo procedimento fino a rimuovere dal fango particelle fino a 40 micron di diametro.

Estratte le sabbie, quest'ultime subiscono operazioni di lavaggio e disidratazione prima del conferimento in discarica prima di essere depositate in apposito container.

La dissabbiatura fanghi è utilizzabile e particolarmente indicata nelle fasi manutentive dei manufatti tecnici presenti negli impianti di depurazione.

La dissabbiatura fanghi è particolarmente indicata per classificare i fondami presenti nei gestori anaerobici, nelle vasche e nei comparti depurativi.

La dissabbiatura fanghi permette la corretta separazione delle varie fasi direttamente in sito, permettendo così di abbattere i costi di gestione dello smaltimento dei rifiuti di resulta.